ROMA, CHE NE FACCIAMO?

 

Sbagliano quanti vanno affermando che questa Associazione sia ideologicamente e pregiudizialmente avversa all’On.le TOCCI ed alla Sua parte politica.

Chi scrive, non appena si è aperta la campagna elettorale, ha dato le dimissioni come Portavoce del Coordinamento Centro storico per evitare ogni rischio di strumentalizzazione in chiave partitica e ciò nonostante fosse stato, appena il giorno innanzi, riconfermato nell’incarico.

Ma l’Associazione Operatori Economici Centro Storico non può non partecipare, anche in modo critico quando necessario, all’elaborazione concettuale di un modello di città che recuperi a Roma il ruolo di metropoli europea, di grande capitale e di polo turistico potenzialmente senza eguali al mondo.

La Fascia Blu permane come grave problema da risolvere e, rimanendo nel Coordinamento come componente, continueremo ad operare per il superamento - nel breve periodo - di questo strumento di viabilità urbana utopistico come concezione e surreale come realizzazione.

Il  compito che ci attende, però, è ben più grande! Roma è oggi la quarta città, in Europa, come meta del turismo internazionale essendo surclassata nell’ordine da Londra, Parigi e Berlino. DOBBIAMO fare in modo che questa graduatoria cambi!

ROMA ha tutti i numeri per insidiare a Londra il primo posto purché si attrezzi, come ha fatto e continua a fare la capitale inglese, per un tale compito.

Ebbene noi saremo al fianco di quanti opereranno in questo senso fossero rossi, bianchi, neri, gialli o verdi!

I)a oggi iniziamo una battaglia tesa ad attrezzare la nostra città come MAGGIORE POLO DI ATTRAZIONE TURISTICO del Continente Europa.

Dovremo quindi occuparci di viabilità (metropolitana compresa), urbanistica, servizi e quanto altro pertinente.

Lo faremo con onestà di intenti e con spirito costruttivo e se dovremo denunciare decisioni sbagliate, sprechi di denaro pubblico o - peggio ancora - torbidi interessi, NESSUNO si azzardi ad affibbiarci INESISTENTI etichette di partito.

 

HOME PAGE