FASCI... SMO BLU!

 

Se uno avesse la pazienza di sfogliare la raccolta dei quotidiani tedeschi dei mesi di Febbraio e Marzo del ‘33, si imbatterebbe in lunghi elenchi - in cronaca cittadina - di negozi e studi professionali da “boicottare perché non ariani”.

Era l’anno del nazismo trionfante e la ruota del destino iniziava a girare sempre più vorticosamente verso quell’abisso di ignominia ed orrore che tutti noi, oggi, conosciamo.

Nella Roma amministrata dalla Giunta Rutelli che vede tra i propri fiancheggiatori la Lega Ambiente, il Presidente di quest’ultima - tal Gubiotti - propone di “pubblicare e distribuire gli elenchi dei negozi da boicottare perché contrari alla Fascia Blu.

Ci chiediamo, a questo punto, se il Presidente regionale della Lega Ambiente arriverà o meno a mobilitare i propri adepti per picchettare, come fecero 63 anni fa le S.A. Hitleriane, i negozi da boicottare?

Inutile nascondere che siamo preoccupati poiché conosciamo la comunanza di vedute esistente tra la Lega Ambiente ed esponenti dell’Amministrazione Rutelli e temiamo, quindi, che la proposta degli ambientalisti possa avere sostenitori o - peggio ancora - ispiratori in Campidoglio.

Se così fosse risulterebbe vano il proposito degli operatori commerciali di mantenere il confronto sulla Fascia Blu su un piano di corretta e civile dialettica; aspettiamo al riguardo una chiara presa di posizione del Sindaco e del Vice Sindaco.

Comunque respingiamo quello che riteniamo un maldestro tentativo di intimorirci e, con la tranquilla determinazione che ci viene dalla consapevolezza dei nostri diritti di cittadini, invitiamo gli ideologizzati sostenitori della FASCIA a desistere da comportamenti che sono, intrinsecamente, FASCISTI.

 

HOME PAGE