Roma, 2 Marzo 2015

 

Come volevasi dimostrare

 

 

Facciamo seguito alla nostra nota “C’è del marcio in Danimarca” e “O Marino o la Divina Provvidenza” per allegarVi un articolo del Tempo di oggi che conferma quanto da noi denunciato.

         Roma è la città ove esiste ed è praticato con criminale comportamento il criterio dei due pesi e delle due misure; quanto ciò sia compatibile con una amministrazione che pretenda di essere presentabile lasciamo a Voi giudicarlo.

         Ci chiediamo dove sono finiti i moralizzatori che per anni ci hanno assordato con le loro invettive contro “tavolino selvaggio”?

         Oggi che sulle scrivanie dell’Amministrazione e delle redazioni c’è una esauriente quanto puntuale documentazione degli abusi in essere in Centro Storico, nessuno – fatta eccezione per Il Tempo – fiata.

         Come volevasi dimostrare i blitz del passato sulle piazze storiche si stanno rivelando per quello che sono stati: un paravento al riparo del quale permettere ad amici e sodali di continuare a fare i propri comodi.

         Noi non ci stiamo!

         Prendiamo impegno, qualora continuasse la complice inerzia di chi dovrebbe intervenire per porre rimedio alla situazione di grave parzialità ormai evidente e provata, di presentare una circostanziata denuncia alla Procura della Repubblica.

         Vorremmo non essere i soli a firmarla; al nostro fianco ci piacerebbe avere sia le associazioni dei residenti quanto quelle di categoria.

         A risentirci tra quindici giorni.

 

IL PRESIDENTE

GUIDO CAMPOPIANO

 

 

 

P.s.: Ci è pervenuto stamane e per posta un plico contenente un’altra denuncia anonima ma molto circostanziata (cliccare per vedere).

         Presumibilmente è la stessa a cui si accenna nell’articolo del Tempo.

         Comunque è l’ennesima conferma della “melmosità” dell’Amministrazione; Sindaco Marino che facciamo?

 

 

 

HOME PAGE