IL MANIFESTO DI EUSTON

 

Le regole per una nuova sinistra antitotalitaria

 

A. Presentazione

Siamo democratici e progressisti e proponiamo un nuovo riallineamento politico. Molti di noi appartengono alla sinistra, ma i principi qui esposti non intendono escludere altre tradizioni politiche; vogliamo, piuttosto, andare oltre la sinistra socialista e accogliere liberali egalitaristi ed altri che si impegnano per la democrazia senza ambiguità ed incertezze.

Intendiamo infatti ridefinire il pensiero progressista distinguendo nettamente tra la sinistra rimasta fedele ai propri valori più autentici e quella che invece si è ultimamente mostrata troppo arrendevole nel difendere proprio quei valori. Si tratta dunque di fare causa comune con i democratici autentici, siano essi socialisti o no. Questa iniziativa è nata e ha destato l'interesse maggiore su Internet, soprattutto nella "blogosfera".

Abbiamo tuttavia l'impressione che i media tradizionali, come gli altri luoghi della politica contemporanea, stiano sottostimando il potenziale di questa proposta. Le affermazioni di principio qui contenute rappresentano solo un inizio. Infatti con questi contenuti avviamo un sito Internet che sarà al servizio della corrente di opinione che speriamo di rappresentare e dei diversi blog o altri siti web che condividono questo invito a ridefinire la politica progressista.

 

B. Principi generali

1. Per la democrazia

Noi siamo assolutamente vincolati e impegnati a difendere le norme, le procedure e le istituzioni democratiche - libertà di opinione e riunione, libere elezioni, separazione tra potere legislativo, esecutivo e giudiziario, e separazione tra stato e religione. Noi attribuiamo grande valore alle consuetudini e alle istituzioni, foriere di buon governo, di quei paesi nei quali si sono radicate le democrazie liberali e pluraliste.

 

2. Non giustifichiamo le tirannie

Rifiutiamo qualsiasi giustificazione o indulgenza per i regimi reazionari e per i movimenti nemici della democrazia - regimi che opprimono i propri cittadini e movimenti che aspirano a farlo. Ci distinguiamo nettamente da quegli elementi della sinistra disposti ad offrire attenuanti e comprensione a forze politiche di quella sorta.

 

3. Diritti umani per tutti

Siamo convinti che i diritti umani fondamentali contenuti nella Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo siano esattamente e giustamente universali. Le violazioni di tali diritti devono essere egualmente condannate, chiunque ne sia responsabile e indipendentemente dal contesto culturale nel quale sono commesse. Rifiutiamo i doppi standard dei quali si serve un'opinione autodefinita progressista, che condanna molto più duramente le violazioni (meno importanti, anche se vere) perpetrate dai governi occidentali che non quelle, palesemente molto più gravi, commesse altrove. Rifiutiamo inoltre il punto di vista (relativismo culturale) secondo il quale in determinate nazioni o popolazioni i diritti umani fondamentali non sono applicabili.

 

4. Eguaglianza

Siamo favorevoli alle politiche di tipo egalitarista. Auspichiamo cambiamenti nei rapporti tra i sessi (finché non sarà raggiunta una completa uguaglianza di genere), tra le diverse comunità etniche, tra quelle di diversa affiliazione religiosa e quelle di nessuna religione, e tra le persone di diverso orientamento sessuale - e auspichiamo in generale una più vasta eguaglianza sociale ed economica. Lasciamo aperto, poiché tra noi esistono in proposito punti di vista diversi, il problema di quali forme economiche tale eguaglianza debba assumere; in ogni caso, affermiamo gli interessi dei lavoratori e il loro diritto di organizzarsi per difendere tali interessi. I sindacati democratici sono organizzazioni essenziali per la difesa degli interessi dei lavoratori e costituiscono una forza fondamentale per la promozione dei diritti umani, della democrazia e dell'internazionalismo egalitario. I diritti del lavoro sono diritti umani. L'adozione in tutto il mondo delle Convenzioni della Or­ganizzazione Mondiale del Lavoro - oggi ignorate da molti governi in ogni parte del mondo - è per noi una priorità. Siamo impegnati nella difesa dei diritti dei bambini e nella lotta alla schiavitù sessuale e a ogni forma di maltrattamento istituzionalizzato.

 

5. Sviluppo economico per la libertà

Siamo favorevoli allo sviluppo economico mondiale come fattore di libertà e lottiamo contro l'oppressione economica strutturale e il degrado ambientale. L'attuale espansione dei mercati globali e del libero scambio non deve servire i ristretti interessi di una piccola élite di manager nel mondo industrializzato e dei loro soci nei paesi in via di sviluppo. I benefici dello sviluppo su vasta scala attraverso l’espansione del commercio mondiale, devono essere quanto più possibile diffusi, affinché soddisfino gli interessi sociali ed economici dei lavoratori, dei contadini e dei consumatori in ogni paese. Globalizzazione deve voler dire integrazione sociale e impegno verso la giustizia sociale in tutto il mondo. Per raggiungere questi obiet­tivi, siamo a favore di una riforma radicale dei principali organismi di governo econo­mico mondiale (Organizzazione Mondiale del Commercio, Fondo Monetario Interna­zionale, Banca Mondiale) e sosteniamo il commercio equo, l'incremento degli aiuti in­ternazionali, la cancellazione del debito e la campagna per la fine della povertà (Make Poverty History). Lo sviluppo può accrescere le aspettative di vita e la qualità della vi­ta, alleviando i lavori pesanti e riducendo la giornata lavorativa; può portare libertà ai giovani, nuove opportunità di vita agli adulti e sicurezza agli anziani. Amplia gli oriz­zonti culturali e le possibilità di viaggiare e aiuta a rendere amici gli estranei. Lo sviluppo globale deve essere, inoltre, perse­guito in modo compatibile con quanto è sostenibile dall'ambiente naturale.

 

6. No all'anti-americanismo

Rifiutiamo senza eccezioni l’anti-americanismo che oggi avvelena tanta parte del pensiero di sinistra (e settori di quello di destra). Non diciamo che gli Stati Uniti debbano essere considerati una società modello; siamo coscienti dei suoi problemi e dei suoi limiti, che sono in qualche misura comuni a gran parte dei paesi sviluppati. Gli Stati Uniti sono un grande paese e una grande nazione, sede di una democrazia forte, con tradizioni illustri e durature conquiste politiche e sociali. Le sue popolazioni hanno prodotto una cultura palpitante che è fonte di godimento, ispirazione ed emulazione per miliardi di persone. La politica estera degli Stati Uniti si è spesso contrapposta a movimenti e governi progressisti e ha appoggiato quelli reazionari e autoritari; tuttavia, questo non giustifica pregiudizi generalizzati contro quel paese o i suoi abitanti.

 

7. Per due popoli due stati in Palestina

Riconosciamo il diritto all'autodeterminazione sia degli israeliani sia dei palestinesi, nel contesto di una soluzione che preveda due diversi stati. Non potrà esservi soluzione ragionevole del conflitto israelo-palestinese che subordini o sopprima i legittimi diritti e interessi di una delle parti in causa.

 

8. Contro il razzismo

Per i liberali e per la sinistra, l'antiraz­zismo è una verità assiomatica. Ci opponiamo a qualsiasi forma di pregiudizio o comportamento razzista: il razzismo anti-immigranti dell’estrema destra, il razzismo tribale e interetnico, il razzismo contro le persone provenienti dagli stati islamici, o i loro discendenti, e in particolare il razzismo che può essere nascosto sotto le vesti della guerra al terrorismo. Tuttavia, l’ultimo a riaffiorare di una forma di razzismo molto antica, l’antisemitismo, non è ancora sufficientemente riconosciuto dagli ambienti di sinistra. Alcuni arrivano a strumentalizzare le legittime rivendicazioni dei palestinesi sotto occupazione israeliana e nascondono i propri pregiudizi contro gli ebrei dietro la formula dell’antisionismo. Noi ci opponiamo, come è ovvio, anche a questa forma di razzismo.

 

9. Uniti contro il terrorismo

Noi avversiamo ogni forma di terrorismo. Prendere deliberatamente di mira popolazioni civili è un crimine, per il diritto internazionale e per tutti i codici di guerra, e non può essere giustificato dalla tesi secondo la quale ciò viene fatto per una causa giusta. Il terrorismo ispirato dall'ideologia islamista oggi è molto diffuso e minaccia i valori democratici, la vita e la libertà della gente in molti paesi. Questo non deve giustificare i pregiudizi contro gli islamici, che ne sono le vittime principali e tra i quali si trovano alcuni dei più coraggiosi oppositori del terrorismo. Ma il terrorismo è una minaccia da combattere, senza scusanti.

 

10. Per un nuovo internazionalismo

Siamo a favore di una politica internazionalista e di una riforma del diritto internazionale - nell'interesse della democratizzazione globale e dello sviluppo globale. L'intervento umanitario, quando si rende necessario, non vuol dire ignorare la sovranità ma significa porla, più correttamente, nella comunità dei popoli. Se minimamente uno stato protegge la vita quotidiana dei propri cittadini (senza torturare, uccidere o massacrare la popolazione, e soddisfacendone i bisogni essenziali per la sopravvivenza), allora la sua sovranità va rispettata. Ma quando uno stato viola atrocemente la vita quotidiana dei cittadini, ha rinunciato alla propria sovranità e la comunità internazionale ha il dovere di intervenire e prestare soccorso. Quando si arriva alla disumanità, vige il dovere di proteggerne le vittime.

 

11. Apertura critica alle idee

Traendo lezione dalla disastrosa vicenda degli apologeti di sinistra dei crimini dello stalinismo e del maoismo, come da quella più recente ma dello stesso tenore (alcune delle reazioni al crimine dell'11 settembre, la comprensione per il terrorismo suicida, le indegne alleanze, all'interno del movimento contro la guerra con teocrati illiberali), noi rifiutiamo l'idea che non debba esserci opposizione "da sinistra". Nello stesso modo, rifiutiamo di pensare che non possano esservi aperture verso idee e persone "a destra". La sinistra che si allea a forze antidemocratiche, o che le giustifica, deve essere condannata chiaramente e severamente. D'altro canto, prestiamo attenzione alle voci e alle idee liberali o conservatrici che pos­sono contribuire a rafforzare le norme e le pratiche democratiche e le battaglie per il progresso dell'umanità.

 

12. Per il rispetto della verità storica

Richiamandoci alle origini umanistiche del movimento progressista, sottolineiamo il dovere, per ogni vero democratico, di mostrare rispetto per la verità storica. Non solo fascisti, negatori dell'Olocausto e simili hanno provato a offuscare i fatti storici: una delle principali tragedie per la sinistra è che proprio su questo tema la propria reputazione è stata gravemente compromessa dal movimento comunista internazionale, e molti ancora non hanno imparato la lezione. Onestà intellettuale e politica, sincerità e chiarezza devono essere per noi un dovere.

 

13. Libertà di pensiero

Noi condividiamo il concetto liberale di libertà di pensiero. Oggi è più che mai necessario affermare che, salvo i casi di diffamazione, calunnia o istigazione alla violenza, tutti devono sentirsi liberi di criticare qualsiasi idea o concezione del mondo, compresa la religione (specifiche religioni o la religione in generale). Rispettare gli altri non significa non potere dare giudizi sulle loro convinzioni, se non le condividiamo.

 

14. Creatività open source

Nel contesto del libero scambio delle idee e per incoraggiare la creatività di gruppo, siamo favorevoli allo sviluppo aperto e accessibile di software e di altre opere di ingegno, e contrari al brevetto di geni, algoritmi e fatti naturali. Ci opponiamo all'estensione retroattiva delle leggi sulla proprietà intellettuale, che avvantaggia­no finanziariamente le imprese che deten­gono i copyright. Il modello open source è collettivista e competitivo, collaborativo e meritocratico. Non è un ideale teorico ma una realtà sperimentata da decenni, che ha prodotto opere fruibili da tutti, valide e durature. Si può addirittura affermare che l'ideale di collegialità della comunità scientifica, che ha portato alla collaborazione open source, è stata per secoli alla base del progresso umano.

 

15. Un'eredità storica preziosa

Rifiutiamo la paura della modernità, la paura della libertà, l'irrazionalità, la sottomissione delle donne; e riaffermiamo le idee che hanno ispirato le parole d'ordine delle rivoluzioni democratiche del Settecento: libertà, eguaglianza e solidarietà; diritti umani; la ricerca della felicità. Queste idee illuminanti sono diventate parte della nostra eredità comune grazie alle trasformazioni socialdemocratiche, egalitarie, femministe e anticoloniali dell'Ottocento e Novecento - attraverso la ricerca della giustizia sociale, le prestazioni dello stato sociale, la fratellanza e sorellanza tra tutti gli uomini e le donne. Nessuno deve essere escluso, nessuno deve essere dimenticato. Noi ci schieriamo a favore di questi valori, ma non siamo fanatici. Noi abbracciamo anche i valori della analisi critica, del dialogo aperto, del dubbio creativo, della cautela di giudizio; siamo inoltre coscienti delle difficoltà e degli ostacoli oggettivi. Siamo perciò contrari a qualunque pretesa di verità totale, indiscussa o indiscutibile.

 

C. Alcune precisazioni

Difendiamo le democrazie liberali e pluraliste contro tutti coloro che ne sminuiscono le differenze rispetto ai regimi totalitari e tirannici. Ma tali democrazie hanno limiti e punti deboli. Le battaglie per lo sviluppo di istituzioni e procedure più democratiche, per dare forza a tutti coloro che non hanno potere o possibilità di far sentire la propria voce o sono privi di risorse politiche, sono componenti essenziali del programma della sinistra. I fondamenti sociali ed economici sui quali sono nate le democrazie liberali, sono segnati da profonde disuguaglianze di ricchezza e di reddito e da persistenti ingiustificati privilegi. Le disuguaglianze nel mondo gridano scandalo alla coscienza morale dell'umanità. Milioni di persone vivono in condizioni di terribile povertà e migliaia ogni giorno - soprattutto bambini - muoiono per malattie che potrebbero essere evitate. Le disuguaglianze tra individui e tra paesi determinano arbitrariamente le condizioni di vita delle persone.

Questa situazione è un atto d'accusa permanente alla comunità internazionale. La sinistra, coerentemente con le proprie tradizioni, lotta per la giustizia e per una vita dignitosa per tutti. Coerentemente con queste tradizioni, dobbiamo anche combattere contro le potenti forze della tirannia totalitaria che stanno nuovamente avanzando. Queste due battaglie devono essere combattute simultaneamente. L’una non può essere sacrificata a beneficio dell'altra.

Sconfessiamo quel modo di pensare secondo il quale i fatti dell'11 settembre 2001 sono un risultato meritato o comunque prevedibile, nel contesto della legittima opposizione alla politica estera americana. In realtà, quel giorno è stato perpetrato un assassinio di massa, mosso da ripugnanti convinzioni fondamentaliste e assolutamente non riscattabile in alcun modo. Nessuna formula ambigua può offuscare questa verità.

I promotori di questa dichiarazione hanno punti di vista diversi sull'intervento militare in Iraq, alcuni favorevoli e altri contrari. Riconosciamo le profonde ma comprensibili diversità di opinioni sulla opportunità di quell'intervento, sul modo in cui è stato realizzato, sulla gestione (o mancanza di ge­stione) delle sue conseguenze e sulle pro­spettive di un'effettiva trasformazione democratica in Iraq; siamo tuttavia uniti nel giudicare il regime baathista come reazionario, fascista e assassino, e dichiariamo che la sua caduta è stata una liberazione per il popolo iracheno. Siamo uniti anche nel considerare che, dal giorno in cui essa è avve­nuta, l'impegno prioritario della sinistra avrebbe dovuto essere la lotta per istituire in Iraq un sistema politico democratico, per ricostruire le infrastrutture del paese e per dare vita in Iraq, dopo decenni di brutale oppressione, a un tipo di vita normale per i cittadini dei paesi democratici - invece di insistere in sterili discussioni sull'opportunità o meno dell'intervento militare.

Per questo motivo ci contrapponiamo non solo a quelli che a sinistra hanno attivamente dato sostegno alle bande di teppisti jihadisti e baathisti della cosiddetta resistenza irachena, ma anche a coloro che si proclamavano equidistanti tra queste forze e quelle che tentavano di portare il paese ad una nuova vita democratica. Non abbiamo nulla a che fare, inoltre, con chi sostiene solo a parole questo tentativo di democratizzazione, impegnando invece gran parte delle proprie energie nella critica agli avversari politici (considerati responsabili di tutti i problemi dell'Iraq) e tacendo invece sugli ignobili comportamenti delle truppe "ribelli" irachene. I molti che, da sinistra, si opponevano al cambiamento di regime in Iraq ed erano incapaci di comprendere i motivi di chi era invece favorevole, sciorinando anatemi e scomuniche e più recentemente pretendendo scuse e ravvedimenti, hanno in questo modo rinnegato tutti i valori democratici che affermano di voler difendere.

Gli atti di vandalismo contro le sinagoghe e i cimiteri ebraici e gli attacchi fisici agli ebrei sono in aumento in Europa. "L'antisionismo" è cresciuto al punto che organizzazioni considerate di sinistra sono disposte a dar voce ad esponenti apertamente antisemiti o ad allearsi a gruppi an­tisemiti. Ci sono individui, anche tra i ceti colti e benestanti, che non si vergognano a dire che la guerra in Iraq è stata combattuta in nome e per conto di interessi ebraici, o ad alludere più sottilmente alla nefasta influenza degli ebrei nella politica internazionale o interna - opinioni che per più di 50 anni dopo l'Olocausto nessuno avrebbe osato sostenere senza screditarsi di fronte al mondo. Noi contrastiamo tutti i vaneggiamenti di questo tipo.

La violazione dei minimi diritti umani ad Abu Ghraib, a Guantanamo o in altri casi simili deve essere assolutamente condannata per ciò che è: un allontanamento dai principi universali che sono stati storicamente acquisiti e assicurati nei paesi democratici, in particolare negli Stati Uniti d'America. Ma noi rifiutiamo i doppi standard utilizzati da molte persone di sinistra che considerano gravissime le violazioni dei diritti umani compiuti dai paesi democratici, mentre non si odono condannare altre vicende ben più gravi. Questa tendenza è arrivata al punto che alcuni portavoce di Amnesty International, organizzazione molto rispettata nel mondo grazie al decennale lavoro svolto, hanno paragonato Guantanamo ai Gulag sovietici o sostenuto che le misure adottate dagli Stati Uniti e da altri paesi liberal-democratici nella guerra al terrorismo costituiscono il più grave attacco ai diritti umani mai visto negli ultimi 50 anni; quel che è peggio, esponenti della sinistra hanno plaudito quei discorsi.

 

D. Conclusioni

E' di vitale importanza per il futuro della politica progressista che oggi le persone di opinione liberale, egalitarista e internazionalista si pronuncino con chiarezza. Dobbiamo prendere posizione contro chi ritiene che l'intero programma progressista e democra­tico debba essere subordinato a un semplicistico e totalizzante "antiimperialismo" oppure alla lotta contro l'attuale governo americano. Invece, i contenuti e gli obiettivi veri di questo programma - i valori della demo­crazia e dei diritti umani, la guerra ai privilegi immotivati ed ai poteri arbitrari, la solidarietà con chi combatte la tirannia e l'oppressione - sono ciò che contraddistingue e sempre contraddistinguerà una sinistra alla quale valga la pena di appartenere.

 

 

 

 

 

HOME PAGE